Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Segherie veneziane

Antichi capolavori di ingegneria meccanica

Le segherie veneziane sono la nota che caratterizza le rive del Torrente Rabbiés.
Le antiche macchine ad acqua, utilizzate un tempo per la prima lavorazione del legno, sono cellule museali monotematiche e punti d'interesse che qualificano e valorizzano il patrimonio paesaggistico-ambientale della Val di Rabbi. La perfezione dei loro meccanismi di funzionamento è frutto dell'abilità di artigiani d'altre epoche, profondi conoscitori di tecniche costruttive che possono essere ancora considerate un capolavoro di ingegneria meccanica.

Orario: messa in funzione delle sagheria dei Bègoi tutti i martedì dal 13 giugno al 5 settembre, visita libera e gratuita. A richiesta anche per gruppi: solo messa in funzione della Segheria dei Bègoi € 2,00 a persona.
Visite guidate il martedì dal 21 giugno al 6 settembreRichiedi Online
 
Segherie veneziane

Molto diffuse in passato, le segherie idrauliche sfruttavano l'energia dell'acqua per ricavare dai tronchi assi e travi da opera. Nel territorio trentino si diffusero nel XIII secolo, introdotte dalla confinante Serenissima Repubblica di Venezia. In Val di Rabbi furono costruite nel XVIII secolo.
La loro introduzione rese più facile e veloce il lavoro di segagione dei tronchi: la forza muscolare di due o tre uomini venne sostituita dalla forza dell'acqua ed un solo operaio era sufficiente per condurre le fasi della lavorazione. Questa particolare attività produttiva fu mantenuta in Val di Rabbi fino agli inizi degli anni '60.
Percorrendo un semplice itinerario, che si sviluppa su un'area pianeggiante e fruibile anche dai diversamente abili, è possibile ammirare la Segheria dei Braghje presso Rabbi Fonti e proseguendo su una comoda strada sterrata, la settecentesca Segheria dei Bègoi che costeggia il Torrente Rabbiés.
 Vai alla lista