Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Rispetta gli animali

Non disturbare gli animali selvatici

Gli animali selvatici hanno paura dell’uomo così come dei cani e la nostra presenza potrebbe terrorizzarli. Quindi non tentare di avvicinarti troppo, se avvisti un animale osservalo da lontano rimanendo sulla strada o sul sentiero che stai percorrendo. Evita rumori molesti, schiamazzi e musica ad alto volume, apprezza la tranquillità del Parco e dei suoi abitanti.

E’ assolutamente vietato dare da mangiare agli animali; sanno reperirlo autonomamente e il nostro comportamento, anche se in buona fede, potrebbe risultare loro dannoso o addirittura fatale. E’ vietato il foraggiamento a fini fotografici.

Mantieni il tuo cane al guinzaglio

Anche se i nostri cani sono buoni e ubbidienti, spesso l’istinto può spingerli a rincorrere, e persino uccidere, gli animali selvatici. Inoltre il loro incontro con i selvatici può diventare veicolo di parassiti e malattie, talvolta pericolose anche per l’uomo.
Rispetta gli animali
 
Rispetta gli animali

Ritrovamento di animali feriti o in difficoltà

Ungulati:
Soprattutto in tarda primavera-inizio estate può capitare di scorgere nell’erba o nel sottobosco, magari nei pressi del sentiero, dei piccoli di cervo o capriolo raggomitolati e praticamente immobili. Anche avvicinandoci, questi cuccioli restano fermi e non si danno alla fuga, ma attenzione, ciò non significa che siano feriti! Istintivamente e in maniera innata non si muovono per evitare di essere individuati da eventuali predatori, aiutati da uno spiccato mimetismo (colore del pelo, bruno chiaro e con le caratteristiche macchie bianche) e dall’assenza di odore. I PICCOLI NON VANNO TOCCATI! Se noi tocchiamo i cuccioli di questi come di altri animali, essi rischiano di venire abbandonati dalla madre, che avverte il nostro odore e non riconosce il piccolo. Se individuate un piccolo ungulato vicino al sentiero o un centro abitato, segnalatelo al Corpo Forestale Provinciale ma mantenetevi a distanza: la madre è sicuramente nelle vicinanze e, di tanto in tanto, torna dal cucciolo per l’allattamento e le cure.

Può anche capitare di trovare animali adulti in difficoltà,feriti o morti. In genere, ciò che succede alla fauna selvatica in foresta fa parte del naturale ciclo della vita e non richiede l'intervento dell'uomo. In ogni caso, è importante evitare di toccarli, non solo perché potrebbero trasferire malattie e parassiti, ma anche perché avvicinandoci potremmo spaventarli, peggiorare la loro situazione o addirittura venire attaccati. Prendere nota di dove è stato avvistato l’esemplare e, nei casi rilevanti, avvisare il Corpo Forestale Provinciale tramite la centrale operativa dei Vigili del Fuoco (n. tel. 115) o gli uffici del Parco.

Uccelli:
Al momento del primo involo gli uccelli fanno dei tentativi di volo sotto lo sguardo attento della madre. Queste prime prove difficilmente riescono in modo ottimale, quindi è facile trovare piccoli per terra, incapaci di “decollare”. Nella maggior parte dei casi, sorvegliati dalla madre, riescono a trovare una sporgenza o un salto dove effettuare un’altra prova. Noi possiamo contribuire tenendoci a distanza e scongiurando eventuali agguati di gatti/cani domestici. In alcune situazioni potremmo appoggiare gli uccellini su un davanzale o un muretto, dove possano spiccare più facilmente il volo. Si può notare la presenza della madre ascoltandone il richiamo e osservando attentamente la zona. Attenzione, alcuni uccelli, per proteggere i piccoli o il nido, compiono falsi attacchi a volo radente nei confronti del disturbatore.

Se si dovesse trovare un uccello adulto ferito o in difficoltà chiamare il Corpo Forestale Provinciale (tel. 115 - la centrale operativa dei Vigili del Fuoco devia la chiamata alla guardia forestale reperibile in zona). Va bene sorvegliare l’uccello, ma mantenendo le distanze e facendo attenzione in quanto se allarmato potrebbe diventare pericoloso, soprattutto nel caso di rapaci, dotati di potenti artigli e becco acuminato.

Altri animali:
In caso di ritrovamento di animali feriti non toccarli, ma contatta il Corpo Forestale Provinciale o gli uffici del Parco. Infatti in caso di ferimento gli animali possono diventare aggressivi, non è prudente avvicinarsi, nemmeno agli erbivori.

Incidenti stradali  dovuti a impatti con fauna

Se dovesse accadere un incidente stradale causato dall’impatto con un animale selvatico, innanzitutto mantenere la calma e chiamare il 112, riferendo dell’accaduto. La chiamata al 112 è obbligatoria per l'eventuale indennizzo assicurativo nel caso di investimento di orsi e ungulati e garantisce, se necessario, l'intervento del Corpo Forestale Provinciale o dei Vigili del Fuoco volontari. Osservando le prescrizioni del codice della strada, attendere sul posto le forze dell’ordine secondo le indicazioni ricevute.
 Vai alla lista