Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Il lupo nelle Alpi

Azioni coordinate per la conservazione del lupo nelle aree chiave e oltre

Durata: 1 settembre 2013 – 31 maggio 2018
Area interessata: Intero arco alpino
Enti coinvolti: Parco naturale delle Alpi Marittime (capofila), Parchi regionali delle Alpi Cozie, Marguareis, Ossola, Parco Nazionale della Val Grande, Parco Nazionale dello Stelvio, Regione Lombardia, Regione Veneto, Provincia Autonoma di Trento, Provincia Autonoma di Bolzano, Museo delle Scienze di Trento, Corpo Forestale dello Stato, Parco Nazionale del Triglav (Slovenia), Università di Lubiana

La presenza del lupo sull'arco alpino è un fenomeno in continuo sviluppo. A partire dai primi avvistamenti di lupi provenienti dall'Appennino nei primi anni '90 (sulle Alpi piemontesi e francesi), la specie ha colonizzato in modo stabile le Alpi occidentali e sta facendo la sua comparsa sulle Alpi centrali, a partire da giovani individui che intraprendono movimenti di dispersione alla ricerca di nuovi territori in cui stabilizzarsi. Lo stesso fenomeno sta avvenendo da oriente, con l'arrivo di soggetti provenienti dalle Alpi dinariche slovene.
Il lupo sulle Alpi è una realtà con risvolti in ambito naturalistico e nei contesti socio-economici della zootecnia. Per questo numerosi enti territoriali ed aree protette dell'arco alpino hanno costruito un programma condiviso nel progetto Life Natura 2012 IT 000807 “WolfAlps: il lupo nelle Alpi".

L’iniziativa interessa l’intero arco alpino perché, dopo avere lentamente risalito l’Appennino, il lupo sta ora velocemente colonizzando la catena montuosa più grande d’Europa sino alla Slovenia. Un processo naturale e inarrestabile che non può che essere gestito in modo coordinato: uno dei punti cruciali del Life. Per questo al progetto che ha quale capofila il Parco naturale Alpi Marittime partecipano numerosi partner: Parchi regionali delle Alpi Cozie, Marguareis, Ossola, Parchi nazionali della Val Grande e dello Stelvio, regioni Lombardia e Veneto, la Provincia di Trento e il Museo di Scienze naturali, il Corpo Forestale dello Stato, la Slovenia con il Parco nazionale del Triglav, l’Università di Lubiana.
Il lupo nelle Alpi
 
Il lupo nelle Alpi

Il progetto Wolf Alps ha diversi obiettivi: sono previste azioni mirate a valutare lo stato e l'evoluzione della popolazione alpina attraverso monitoraggi standardizzati e coordinati, misure di conservazione per la specie ed azioni di prevenzione per contrastare l’impatto predatorio sul bestiame negli alpeggi.
Il fattore chiave per la conservazione e la sopravvivenza dei grandi predatori come il lupo, è legato alla risoluzione dei conflitti economici e sociali con l’uomo ed al raggiungimento di un equilibrio per una possibile convivenza in aree densamente popolate come quelle alpine.
Per questo le attività di comunicazione sono considerate un asse strategico del progetto.
I rapporti tra l’uomo e il lupo e l’opinione, che spesso la gente condivide, sono anche frutto di una complessa realtà culturale che deriva dalla stratificazione nei secoli di innumerevoli storie, leggende, mistificazioni, interpretazioni che poco hanno a che fare con la realtà e con la biologa e l’ecologia della specie.
Wolf Alps si pone l’obiettivo di divulgare e comunicare in modo trasparente i risultati del monitoraggio sulla presenza del lupo e degli interventi realizzati per la prevenzione degli impatti sulle prede domestiche.

 Vai alla lista