Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

La marmotta

Marmota marmota

Di forma abbastanza tozza e pesante, la marmotta misura mediamente 50-60 cm e presenta una coda lunga una quindicina di cm; il peso varia tra i 3 ed i 6 kg. La pelliccia è folta, la testa corta e le piccole orecchie sono quasi nascoste dal pelo. Gli arti anteriori sono perfettamente adattati per lo scavo: particolarmente robusti, hanno dita ed unghie molto forti. Colore prevalente della pelliccia è il bruno-grigiastro, il muso è fulvo biancastro mentre l'apice della testa, la regione posteriore delle spalle e la parte terminale della coda sono più scure; le parti inferiori del corpo ed interne degli arti sono fulvo giallastre con tendenza al ruggine. L'accoppiamento avviene solitamente in tana tra la fine di aprile e l'inizio di maggio; dopo una gestazione di poco più di un mese, i piccoli (2-4) nascono nudi e con gli occhi chiusi; già dopo 15 giorni sono coperti di pelo, dopo 40 giorni escono dalla tana già autosufficienti. L'habitat alpino preferito è rappresentato dai versanti soleggiati e con elevata pendenza, caratterizzati da prateria con pietraie o massi.
La marmotta è un animale spiccatamente sociale: durante il giorno alterna la ricerca di cibo e di sole al gioco con i suoi simili. Gli individui rimangono comunque sempre vicini alle rispettive tane.
La marmotta
 
La marmotta

Comportamento

La marmotta trascorre i mesi invernali in letargo, rallentando il proprio metabolismo ed utilizzando lentamente le riserve di grasso accumulate durante la bella stagione.
Fondamentale per la specie è proprio un complesso sistema di tane utile sia come rifugio dai pericoli durante il giorno, sia come ricovero per la notte e, ovviamente, per il letargo.
Ci sono grandi differenze nella tipologia dei rifugi e nell’utilizzo delle tane a seconda della stagione: le tane estive sono poco profonde ed hanno molte uscite, mentre quelle invernali presentano un’unica galleria di accesso che talvolta può misurare anche diversi metri. Al termine della galleria è scavata una grande camera, accuratamente imbottita di erbe secche. Durante il letargo l’ingresso della tana verrà scrupolosamente chiuso con la terra e la marmotta potrà così trascorrere, in tutta tranquillità e con la propria famiglia, il periodo che va dalla fine di settembre a marzo-aprile.
 Vai alla lista